Manifesto Trilaterale 2014

Nei giorni dal 29 maggio al 4 giugno ci siamo riuniti a Lisbona, noi Segretariati delle GiOC (Gioventù Operaia Cristiana) di Italia, Portogallo, Spagna e Catalogna, per realizzare il nostro incontro annuale. In questa occasione abbiamo girato intorno alla tematica dela “disoccupazione giovanile”, per analizzare le cause e le conseguenze di questa grave situazione di cui soffre la gioventù.

A partire dai dati della disoccupazione giovanile (36,4% in Portogallo, 42,3 in Italia, 55,1 in Spagna e 49,5 in Catalogna) abbiamo potuto constatre alcune realtà:

  • Questi dati non sono del tutto reali, perchè molti giovani non si iscrivono al registro di disoccupazione.

  • Le persone giovani in questa situazione di disoccupazione vivono questa realtà come un problema personale e non collettivo.

  • Questa situazione genera sentimenti di impotenza, frustazione, demotivazione, e anche, depressione.

  • La maggior parte dei giovani che accedono al mondo del lavoro sono soggetti a contratti temporanei e alla precarietà.

  • Questa situazione che stiamo vivendo è una conseguenza di una struttura ingiusta e di un sistema che “considera l'essere umano come un bene di consumo, che si può usare e poi gettare via” come dice Papa Francesco nel numero 53 della sua esortazione “Evangelii Gaudium”.

  • Le politiche che si stanno mettendo in pratica nei nostri paesi si concentrano sulle conseguenze ma non sulle cause del problema.

Riflettendo su questa realtà e vedendola alla luce del Vangelo, lanciamo la seguente riflessione e i seguenti compromessi per aiutarci a trasformarla:

  • “Non si può servire sia Dio che il denaro” (Mt 6, 24), ma vediamo che, attualmente, le strutture stanno al servizio del denaro e non delle persone: “oggi dobbiamo dire di no ad un'economia di esclusione e disuguaglianza. Questa economia uccide.” (EG, 53)

  • Come movimento siamo chiamati ad accompagnare ed accogliere la vita di questi giovani che soffrono di disoccupazione e precarietà lavorativa, costruendo insieme un progetto di vita dignitoso.

  • Ci impegnamo a rivelare tutte queste vite nelle istituzioni sociali ed ecclesiali, perchè ne tengano conto e per lavorare insieme per cambiare questa situazione.

  • Come GiOC vediamo la necessità di prestare una speciale attenzione ai giovani più fragili, a cui manca il sostegno familiare e quello sociale.

  • Attravesto un'azione che porti ad una trasformazione, dare protagonismo a questa gioventù, proporre alternative e trovare una soluzione insieme.

     

Sappiamo che questa trasformazione sociale richiede un processo lento e a volte stancante, però con la nostra militanza e collaborazione con altre associazioni e movimenti, possiamo construire una società più giusta e inclusiva in cui tutti e tutte possiamo essere protagonisti.

In questo cammino rimaniamo fedeli alle intuizioni di J. Cardijn, nostro fondatore, che diceva: “ogni giovane lavoratore vale più di tutto l'oro del monto, perchè figlio di Dio”, e affermava anche che “solo un'organizzazione di giovani lavoratori potrà dare risposta ai loro problemi essenziali nella vita e nel lavoro”.

Noi ci stiamo incontrando con la convinzione che nelle mani dei giovani lavorotori, e nelle nostre mani, ci siamo gli strumenti per trasformare la società.

“Noi non facciamo la rivoluzione. Noi SIAMO la rivoluzione” (J. Cardijn)

 

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Agenda

Nessun evento

Sostienici con...

Cinguettii...

sterpone_a RT @giocitalia: #ineetyou Interessante lettura che spiega come sia difficile oggi entrare nel mondo del lavoro per un giovane di... https:/…
24hreplyretweetfavorite
giocitalia Buona festa delle adesioni a tutta l'@AC1868.